giovedì 1 dicembre 2016

Cose che finiscono, cose che iniziano e altre cose

Questa tendenza a utilizzare la parola cosa un po' dappertutto è veramente orripilante, però non riesco più a farne a meno. Venisse a scoprirlo la prof d'italiano delle medie mi riempirebbe il blog di bestemmie in penna rossa da cima a fondo ma io a quel punto le direi Ehi baby, benvenuta nel mio lonfo!
e allora lei Cosa?
e quindi io A-hà! Beccata!

Cazzate a parte oggi volevo scrivervi due parole in tranquillità per aggiornarvi un po' sui cavoli miei e le possibili svolte e/o colpi di scena di questo posto. Sì lo so, vi è partita la palpitazione molesta a tale rivelazione che in realtà ancora non rivela niente, cosa che in effetti sa un po' di vedo/non vedo, vero?

Comunque... iniziamo dalle cose che finiscono, quelle che, come avrete intuito se siete soliti sprecare il vostro tempo seguendomi sui social 
(ehi, li trovate lì a sinistra, iscrivetevi merde!)
riguardano la fine dei miei studi universitari e la laurea. Ebbene: sono libero! 
Libero dagli impicci degli esami, dai treni di Trenitalia, dalle ansie e dai mal di pancia pre appello orale e dai libri fotocopiati e recuperati a prezzi stracciati rincorrendo per il vicentino e il veronese gente che li vende alla metà della metà del prezzo di copertina ma aggiungendoti quegli appuntini strategici che Ehi te li devi piglià perché con questi io ho preso 30 cioè dai, mettici 5 euri in più fratè daje così brav!
Tra l'altro da ste parti mica parlano così ma quando mai dico io, QUANDO MAI qui siamo aderenti alla realtà? Se la risposta non vi viene siete sulla strada giusta. Il concetto comunque è che sono libero. Bastava una riga Cervello, e checcazzo!

lunedì 28 novembre 2016

#MyTesyTelling | Dottore del buso del cul!

"Le cose migliori si ottengono con il massimo della passione." 
[Johann Wolfgang Goethe]

Suona la sveglia. Dovrei alzarmi, fare colazione, lavarmi e vestirmi elegante. Poi dovrei prendere la macchina e andare fino a Verona, aspettare almeno un paio d'ore prima di discutere la mia tesi e... niente, penso solo al momento della discussione. Tutto finisce lì. La testa non riesce ad andare oltre. Mi rigiro ancora qualche minuto tra le coperte. Mi alzo.

Non devo fare chissà che discorso. In 5/10 minuti al massimo dovrei presentare la tesi e poi rispondere a qualche domanda. E però stare lì nel corridoio ad attendere che i laureandi prima di me finiscano è una tortura. Penso 
E che sarà mai? Hai già parlato di sta roba davanti a un sacco di studenti. Qui c'hai giusto 4 professori!
e poi mi metto a chiacchierare con buona impazienza assieme ad amici e parenti lì ad ascoltarmi.

lunedì 21 novembre 2016

Gli animali fantastici dove li trovi?

Li trovi al cinema, tornando di nuovo, pieno d'entusiasmo, nel mondo magico di Harry Potter. O meglio... nel mondo magico molto prima di Harry Potter, perché qui siamo nell'America degli anni '20 e seguiamo le vicende di un certo Newt Scamander, autore di un saggio che poi sarà uno dei libri scolastici che il caro horcrux saettato studierà a scuola, intitolato appunto Gli Animali Fantastici: Dove Trovarli. Magari più avanti ne parleremo in un articolo dato che ce l'ho pure io!
Immagine presa da ilPost

Ma allora com'è questo nuovo film?
Senza troppi giri di parole, dico fin da subito che mi è parso meno coinvolgente rispetto al primo capitolo della saga del maghetto. Credo però che sia del tutto naturale, perché sticavoli, quello era Harry Potter, una delle opere fantasy più apprezzate degli ultimi anni mentre qui, si parte da un suo spin-off, ovvero una "spalla" dei film (e libri) a noi noti.
Nonostante il minor coinvolgimento però, la nuova pellicola riserva moltissime sorprese e alla fine dei conti si presenta come una storia ben fatta, interessante e dal grandissimo potenziale. E m'è pure piaciuta un bel po'!

giovedì 17 novembre 2016

Il tradimento del porco

Alla fattoria, una sera, il Vecchio Maggiore raduna tutti e racconta di un sogno che ha fatto: gli animali sono finalmente liberi dall'oppressione dell'uomo e possono vivere dignitosamente col frutto del proprio lavoro, senza più essere sfruttati e derubati. Infervorati gli animi e piantato in loro il germe della Rivoluzione, l'anziano maiale muore poco dopo, lasciando in eredità un'ideale da inseguire per il benessere e la libertà.
Potete trovare La fattoria degli animali cliccando Qui

Ho terminato da poco La fattoria degli animali di George Orwell e non posso che dirvi di sentirmi turbato. C'è stato qualcosa che mi ha fatto del male.

Quel che si ricava dalla storia di Orwell è una gigantesca metafora sul nostro mondo, del modo in cui è organizzato, di come funzioni la società e di quali siano alcune delle dinamiche e dei ruoli che animano la vita collettiva.
Si racconta di una fattoria e i protagonisti sono tutti bestie; animali che prima erano proprietà del signor Jones ma che in seguito, dopo la Rivoluzione, si liberano dal dominio dell'uomo e si impadroniscono di ciò che producono. 

Sette comandamenti scandiscono la nuova civiltà fondata nella fattoria:
Tutto ciò che va su due gambe è nemico.
Tutto ciò che va su quattro gambe o ha ali è amico.
Nessun animale vestirà abiti.
Nessun animale berrà alcoolici.
Nessun animale ucciderà un altro animale.
Tutti gli animali sono eguali.

lunedì 14 novembre 2016

Tutorial | Come creare sondaggi su Telegram

Buondì cervelli!

Su suggerimento di un amico oggi farò un post tecnico, pensato per chi come me utilizza Telegram e vuole creare un sondaggio sul proprio canale (il mio lo trovate Qui).

Se non sapete cosa sia Telegram, se pensate sia soltanto una specie di imitazione di whatsapp, e se state cercando dei validi motivi per scaricare l'app vi invito a leggere questo vecchio post che magari potrà convincervi. 
Ma ora bando alle ciance e arriviamo al tutorial!

giovedì 10 novembre 2016

#MyTesyTelling | Il giornalismo colorato di Pulitzer

Tra i miliardi di nomi e concetti e definizioni che comparivano in fase di ricerca, mi sono imbattuto in un personaggio che avevo sentito nominare soltanto grazie al premio che ne porta il nome: Joseph Pulitzer.
Avete presente sì, l'onorificenza tanto ambita dai giornalisti americani? In caso, qui trovate tutto quel che c'è da sapere. Comunque sia voglio raccontarvene un po', e quindi...


"Una stampa cinica e mercenaria, prima o poi, creerà un pubblico ignobile." 
[Joseph Pulitzer]

Dopo aver partecipato alla guerra di secessione nell'esercito nordista, Pulitzer, immigrato ungherese, dà vita nel 1878 al periodico St. Louis Post-Dispatch. 
Un paio d'anni più tardi eccolo invece a New York dove acquista il vecchio quotidiano The World e lo fa esplodere conquistando lettori tra le classi più povere.
Il successo del suo giornale è strabiliante e le otto pagine proposte parlano principalmente agli immigrati di prima e seconda generazione, un pubblico in gran parte di non elettori e perciò sistematicamente ignorato.

Il World diventa un vero e proprio colosso dell'informazione e la cosa interessante non è tanto il perché di questo successo, individuabile nel bisogno latente intercettato, ma piuttosto il come, e cioè con Accuracy, accuracy, accuracy!
Lo slogan, ripetuto allo sfinimento all'interno della redazione, sta a significare precisione nel trattamento delle notizie, ma è proprio qui che arriva il bello, perché al suo fianco prende forma una stranezza che pare scontrarsi con tale direttiva: il colore.

lunedì 7 novembre 2016

Benvenuto a Twin Peaks

Twin Peaks, serie cult degli anni '90, io non l'avevo mai vista. Complici però le chiacchiere sul web per l'imminente terza stagione (dopo ben 25 anni!) e grazie alle insistenze di Denis e Mikimoz, l'ho recuperata e quindi eccomi qui a parlarvi della prima parte, con le otto puntate che mi hanno dato il benvenuto a Twin Peaks.

Come mi avevano anticipato, sono stato accolto dal cielo uggioso di una tranquilla cittadina immersa tra i boschi, e dai suoi caffè caldi, dalle torte di ciliegie e dai camion carichi di legname. 
Qui un giorno accade che sulle rive del lago, avvolta in un telo di plastica, si scopre il cadavere di una giovane del luogo: Laura Palmer, e così si apre il mistero che tiene le redini di Twin Peaks...
Chi ha ucciso Laura Palmer?

A iniziare le indagini è lo sceriffo Truman, affiancato immediatamente dal mitico agente Cooper dell'FBI, vera e propria bussola all'interno dei molti segreti che si andranno a scovare sul conto della vittima. La tranquilla cittadina, via via che le ricerche proseguono, rivela perciò un brulicare di loschi affari che coinvolgono i più disparati personaggi, con le mani in pasta in progetti a cui la stessa "povera e innocente" Laura sembrerebbe in qualche modo invischiata.

giovedì 3 novembre 2016

Stanza, letto, armadio, specchio

Ogni mattina Jack da il buongiorno agli elementi del suo intero universo. Saluta letto, armadio, lavandino, gabinetto, tavolo sedia1 e sedia2, poi comincia la giornata. Fa un po' di attività fisica con ma', mangia, guarda la tv ed esplora il mondo, finché quando è ora, va a dormire. Jack è un bambino di quattro anni, e sembra felice.

La sua ma', Joy, è invece una ragazza che è stata rapita e rinchiusa per sette anni in un bunker. 
Room lo potete trovare anche QUI 
Qui viene violentata ripetutamente e messa incinta; quindi, sola, partorisce e cresce il piccolo Jack, facendogli credere che all'infuori dei pochi metri quadrati di Stanza non esista nulla e nessuno, se non l'infinito Cosmo.

La loro vita procede in maniera terribile e monotona finché, al quinto compleanno di Jack, Joy si trova costretta ad agire per liberare il figlio e darsi possibilità di fuga. Questo, in buona sostanza, è ciò che racconta Room, film del 2015 con Brie Larson che vince l'Oscar da miglior attrice protagonista.

Poche ciance: l'ho trovato veramente forte e assieme a questo intelligente. 
Il modo in cui sono tratteggiate le varie personalità è perfetto e la tensione della vicenda, specie nella prima parte della pellicola, è così densa che si potrebbe affettare con un coltello. L'intelligenza invece è data dal comportamento dei pochi personaggi secondari, che non sono i soliti rincitrulliti che ci mettono trent'anni a capire le cose (il che, in molte storie, capita spesso nei momenti clou) e dall'idea di mondo che Joy fornisce a Jack, perfettamente funzionale nella loro tragedia.

lunedì 31 ottobre 2016

I colori di un padre

"Ma non possiamo provarci lo stesso?"
"Io ho visto le maschere. Erano fantasmi! Quelli là di prima, là sul ponte lo facevano eh! Daaaiii papàaaa..."
Bruce iniziava a non poterne più di quei mocciosi fastidiosi che si era trovato fra i piedi. E non sopportava di essere chiamato papà. Certo non ci si poteva aspettare altrimenti dal piccolo Jack. Era un po' complicato a dire di molti, ma per lui, più semplicemente, era ritardato, perché non ascoltava e non capiva. Ed era brutto, sì, un bambino proprio brutto!
"Facciamo così." spiegò acidamente. "Io entro a dare un'occhiata e intanto voi potete provare in quelle case là dietro."
"Yeeeh!"
"Ou ou ouu!" i ragazzini si zittirono un istante. "Non più lontano di dove ho detto, capito? Fate il giro e tornate." Annuirono e presero a correre verso il ponte. "E chissà che vostro padre sia dia una cazzo di mossa... sennò cazzo se non gli prosciugo il conto!"

giovedì 27 ottobre 2016

Vivere per sempre a San Junipero

E se non si morisse? 
O meglio... se al termine della nostra vita ve ne fosse un'altra, una di eterna, come quella promessa da molti culti religiosi? Che accadrebbe?

So che alcuni tra voi probabilmente sono credenti, e so anche che, nonostante non sia necessario essere devoti a qualche divinità, molti sono orientati all'idea che l'esistenza non si esaurisca tutta qui, che dopo ci sia qualcos'altro. È palese però che del dopo, per quanta fede si abbia, non ve ne sia alcuna certezza. Non a caso si chiama fede.

Le domande iniziali allora è proprio qui che vogliono inserirsi... perché, insomma, se ci fossero le prove tangibili di un'esistenza eterna, cosa cambierebbe al mondo come lo conosciamo ora?

Il dubbio mi è sorto inevitabilmente guardando la quarta puntata della nuova stagione di Black Mirror che, per chi non l'avesse mai vista (fuori di qui, bestie!) è una serie tv incredibilmente disturbante. 
Quel che fa, in soldoni, è prendere alcuni elementi della nostra società provando a spingerli un po' più avanti nel futuro, mostrandoci cosa potrebbe essere di noi (e del nostro rapporto con la tecnologia) e suggerendoci quanto di queste visioni distopiche sia già praticamente in atto.

martedì 25 ottobre 2016

La pagina facebook del mio blog è un mortorio

E ad ammetterlo, a dir la verità, un po' mi rode il culo... però mica posso far finta di niente, no?

A questa conclusione ci sono arrivato semplicemente facendo un confronto tra numero di fan della pagina, che al momento in cui scrivo sono circa 650, e quantità di interazioni (intese come like, commenti e condivisioni) sui vari post. Il risultato è pietoso e spesso pubblicare qualcosa risulta utile come parlare ad un muro. Molto meglio, per assurdo, segnalare i miei link nel mio profilo personale.

Ora la domanda è: perché succede tutto questo? Di chi è la colpa?
A mio parere i motivi sono svariati, ma grosso modo potrei riportarvene almeno quattro:
  1. Per come sono organizzati gli algoritmi di Facebook, è molto difficile far notare i post ai propri fan senza investirci qualche soldo. Di questo ne ho già parlato ampiamente Qui.
  2. Da buona parte di chi mi segue sulla fanpage (e questa non è una critica rivolta a voi follower, ma un dato di fatto riscontrabile in moltissime pagine fb) non c'è l'abitudine verso l'interazione, né con un like o un commento, né tanto meno con una condivisione. Di conseguenza (vedi il primo punto nel dettaglio) un mio nuovo status diviene presto invisibile alla maggior parte di chi mi segue.
  3. Non sono abbastanza bravo a creare relazioni e stimolare discussioni e azioni nelle mie pubblicazioni. Il che è molto probabile visto che spesso aggiorno senza dedicarci il giusto tempo. Pretendo risultati ma sono il primo a tirare il freno.
  4. Chi mi segue non è veramente interessato ai miei contenuti.

giovedì 20 ottobre 2016

Le parole sono giocattoli e fuochi d'artificio

Spesso però, le consideriamo come qualcosa di preciso e puntuale, o peggio... di intoccabile!
Disegno di shichigoro756 che trovate Qui

Mi pare sia stato un paio d'anni fa. Per puro caso vidi il grande Gigi Proietti recitare una poesia intitolata Il Lonfo. Era formata da una serie di versi con parole che non avevo mai sentito e che a primo impatto, a ragionamento lucido, risultavano incomprensibili. Eppure, facendomi prendere dal ritmo e dalla musicalità, tutto appariva sensato. Visualizzavo questo frusco lonfo senza avere la minima idea di che cosa volessero significare "fusco" e "lonfo".
Che cavolo stava succedendo?!

Succedeva che avevo incontrato la poesia metasemantica di Fosco Maraini, un autore che, come racconta nella prefazione del suo libro-raccolta Gnòsi delle Fànfole, più che scrivere, propone.
Scusa amico Cervello ma che vuol dire sta cosa?
Beh... praticamente il suo approccio alla scrittura è pensato per offrire al lettore un trampolino di lancio verso la propria immaginazione, così che costruisca egli stesso il significato (o i vari) della storia.
Ma aspettate, fermi tutti! Facciamo che vi ci butto dentro direttamente (anche Qui col video se vi va) così lo capite meglio da voi:


Il lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce
dilenca un poco, e gnagio s'archipatta.
È frusco il lonfo! È pieno di lupigna
arrefferia malversa e sofolenta!
Se cionfi ti sbiduglia e t'arrupigna
se lugri ti botalla e ti criventa.
Eppure il vecchio lonfo ammargelluto
che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
fa lègica busìa, fa gisbuto;
e quasi quasi in segno di sberdazzi
gli affarferesti un gniffo. Ma lui zuto
t'alloppa, ti sbernecchia; e tu l'accazzi.

martedì 18 ottobre 2016

#MyTesyTelling | La stesura che ti stende

"Scrivere è, per me, il tentativo di mettere ordine nel mondo che sento come labirinto, come manicomio." [Friedrich Durrenmatt]

All'inizio di tutta questa bella storia io pensavo, dall'alto del mio incredibile talento di blogger (vi sento già lì a fare le pernacchie da dietro i vostri schermi) che scrivere questa tesi fosse la parte più facile di tutte, quella mi avrebbe richiesto meno sbattimento. La cosa divertente invece, è che le prime volte che ho aperto il foglio mi sono bloccato dopo due righe e ho cominciato a prendere il tavolo a testate. Avete presente il nulla cosmico? Ecco. Sotto ai miei ricci c'era quello.

Ma facciamo un passo indietro, vi va?
Prima di scrivere era necessario ideare uno scheletro del lavoro. Motivo per cui, nel mezzo della sessione estiva, creo una scaletta che funga sia da indice per chi poi avrebbe letto la tesi, sia da guida per me che sono immerso fino al collo in esami e cazzi vari. Dopo qualche confronto col relatore e qualche taglio qui e lì viene fuori una roba di questo tipo:

Giornalismo e Storytelling: il sottile confine tra informare e raccontare

Capitolo 1 | Giornalismo e Storytelling
Il giornalismo
Lo storytelling

Capitolo 2 | Informare e raccontare
Realtà e rappresentazione 
L'iter informativo 
Le responsabilità del Quarto Potere

Capitolo 3 | Quando e perché lo storytelling sconfina
Manipolazione e propaganda
Velocità e tecnologia
Rumour, viralità, bufale e bugie

Capitolo 4 | Quando e perché lo storytelling funziona
Lunghezza, lentezza e qualità contro l'Infobesity
Il caso limite del Brand Journalism
La missione del debunking

martedì 11 ottobre 2016

Eternal Sunshine of the Spotless Mind

Non so se avete sentito l'ultima, ma pare che il meraviglioso film Eternal Sunshine of the Spotless Mind verrà trasposto in una serie tv. 
Nel caso vogliate vederlo lo trovate proprio Qui
Che cosa?
Sì cervelli, non sto scherzando.

Questo gioiellino, vincitore tra l'altro del premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale, diverrà una storia a episodi prodotta dagli stessi che ci hanno regalato True Detective e Mr. Robot (che ancora non ho visto). Non ho idea però se la trama riprenderà le vicende di Joel e Clementine o se si concentrerà sugli altri pazienti della Lacuna Inc.

Ma bando alla ciance! Ché io lo so che tanti di voi non hanno idea di cosa io stia parlando. Perché questo titolo particolarissimo, che magari v'ha pure un po' stregato, purtroppo è stato mal tradotto nella versione italiana della pellicola, divenendo un repellente Se mi lasci ti cancello. Porcheria che si è ben accompagnata a un trailer (caldamente sconsigliato) che fa intendere l'opera quasi fosse una sciocca commediola romantica. Cosa che non è!
Quale sia invece la vera natura di uno dei miei film preferiti ve lo racconto in queste poche poche righe.

mercoledì 5 ottobre 2016

Una mente in otto corpi

Ora che ho un po' più di tempo libero sono tornato nel magico mondo dei romanzi e soprattutto nell'amato/odiato universo delle serie tv
Vi dicevo, non molti articoli fa, che negli ultimi anni trovo difficile avvicinarmi a una serie, tanto più se è composta da diverse stagioni. E per questo, escludendo Il Trono di SopresaSeiMorto!, sono stati pochi i serial visti, ma fortunatamente buoni. Non vi ho parlato di Stranger Things e Jessica Jones, però due parole le ho dedicate a Once Upon a Time (e sì, dopo la prima stagione mi ci sono vergognosamente fermato, scusate...) perché ne ero rimasto entusiasta. Lo stesso quindi farò oggi per Sense8, un'incredibile opera "fantascientifica" che per dodici puntate mi ha emozionato e intrattenuto come mai mi sarei aspettato.
Inizio subito con quel fantascientifica virgolettato. Perché se è vero che il motore della vicenda è un aspetto tra il paranormale e il futuristico, il vero punto di forza di Sense8 sta nei personaggi e nella loro messa in scena curata e approfondita.
In breve, si parla di otto persone molto differenti tra loro che vivono in altrettanti luoghi del globo. Si va da Chicago a Seul, passando per Londra, Berlino, Mumbai, Nairobi... ok pare la canzone di Giusy Ferreri, ne convengo. Questi otto, tutti nati lo stesso giorno, condividono però un'altra singolare caratteristica: possono letteralmente vivere ciò che vivono gli altri, e questo significa che non solo si vedono fisicamente l'uno accanto all'altro, ma anche che condividono emozioni, pensieri, doti, capacità e percezioni. Come, perché e fino a che punto però, non ve lo racconto che altrimenti vi derubo del piacere di scoprirlo.